La nostra storia

Era il 10 agosto 1891 quando venne firmato l'atto costitutivo che diede vita al sodalizio più antico ed illustre del Lago di Garda, destinato a ricevere l'onorificenza della stella e collare d'oro al merito sportivo dal Coni.
 
All'epoca il canottaggio era l'unica attività acquatica praticata sul lago e già nel 1892 la Canottieri ebbe l'ambito onore di organizzare la IV edizione dei Campionati Italiani. Negli anni successivi poi le competizioni richiamarono ed appassionarono un sempre più nutrito pubblico. Proprio in queste occasioni nacque una stretta relazione fra la nostra società e Gabriele D'Annunzio, amante dello sport in genere e soprattutto assiduo spettatore delle regate di canottaggio, tanto da coniare per i vogatori salodiani il motto d'esortazione "Arripe remos"- divenuto poi il motto sociale ufficiale - e da donare, complice l'amicizia con Antonio Duse, all'epoca presidente della Società e suo medico personale, la preziosa Coppa del Liutaio agli "Agonali del Remo di Salò".
 
Per questi motivi la Canottieri può vantare un passato glorioso che racchiude in sé un fitto intreccio di storia, cultura e soprattutto sport. 
Dallo sport nasce infatti lo spirito che caratterizza ed anima questa società, che accomuna dirigenti, atleti, soci diportisti e i circa 800 tesserati, spirito che ha altresì permesso di realizzare un porto privato e di gestire da trent’anni le Piscine Comunali di Salò, ora Polo Sportivo e dal 2016 il Circolo Tennis.


Le squadre agonistiche di canottaggio, nuoto (dal 1907), vela (dal 1965), alle quali si sono recentemente aggiunte quelle di Triathlon, Tennis e Kite Surf, sono diventate col tempo la nostra punta d’orgoglio; ma aldilà della pura competizione, l’impegno maggiore consiste nel promuovere dei corsi di iniziazione, in modo da offrire ai giovani l’occasione di avvicinarsi a queste discipline a stretto contatto con l’acqua e con una natura così coinvolgente. Il nostro circolo infatti è inserito in un contesto ambientale quanto mai affascinante quale è il Golfo di Salò, dove il porto, capace di ospitare in tutto circa 150 imbarcazioni. Con l’aumento dei soci diportisti è stato necessario affrontare dei cambiamenti sia dal punto di vista strutturale che d'impostazione: l’obiettivo quindi è stato, ed è tutt’ora, offrire degli spazi accoglienti e funzionali, ma soprattutto creare occasioni far partecipare i soci alla vita del circolo e coinvolgerli nelle manifestazioni e nella loro organizzazione.
Le manifestazioni appunto sono un altro aspetto che ha contribuito alla crescita ed allo sviluppo della Società, a tal punto da divenire appuntamenti fissi ed attesi dagli sportivi gardesani e non solo. Il ricco e variegato programma nel calendario annuale prevede manifestazioni in tutte le discipline: vela, canottaggio, nuoto (anche in acque libere), tennis e triathlon.

Coppa del Liutaio dedicata a Gasparo da Salò

Appassionatosi alle regate di canottaggio che la Canottieri Garda puntualmente organizzava nello splendido Golfo di Salò, Gabriele D’Annunzio, sollecitato anche dal suo medico curante dr. Antonio Duse e dall’allora presidente della società cav. Antonio Filippini, decise di assumerne il patrocinio. Così dal 1923 le regate presero il nome da lui coniato di “Agonali del Remo” e la manifestazione venne dotata di una preziosa coppa in argento massiccio “La Coppa Gabriele D’Annunzio”, destinata a outriggers ad 8 vogatori e timoniere seniores, da disputarsi ogni anno nel Golfo di Salò, su di un percorso di m. 2000 e da assegnarsi definitivamente alla società che la vincesse per tre anni anche non consecutivi.
L’esecuzione della coppa venne assegnata da D’Annunzio al suo argentiere di fiducia Renato Brozzi di Traversetolo che, con infinita pazienza, superando le remore e gli estri del suo non facile cliente, nel maggio del 1924 riuscì a consegnare l’opera compiuta.
Il trofeo è meraviglioso, uno dei più belli ed originali esistenti al mondo.
Lo stesso D’Annunzio ne illustrò il suo significato spirituale::
 
…questa Coppa è tra le più nobili opere di Renato Brozzi e tra le più significative. Gli arditi simboli sembrano porre le vostre prore sotto l’auspicio dell’insigne liutaio che, per diritto di gloria dà il suo nome a Salò. Essa non è rostrata come le antiche corone dei vincitori navali; ma, a guisa di rostro, reca a poppa e a prua del palischermo d’argento il manico del violino col suo bel riccio.
E i remi si tramutano in ali, quasi annunciando il prodigio del vostro ardore. “Dei remi facemmo ali al folle volo”. Così questa coppa vi insegna e vi incita ad accordare il vostro remeggio secondo il più costante e il più severo dei ritmi. Essa vi rammenta, in ritmo, che voi siete per volare nella acque di Gasparo da Salò. Il perfetto palischermo da corsa, il canotto sottile, nella sua leggerezza ed esattezza richiede al costruttore qualcosa dell’arte di un grande liutaio, qualcosa dell’arte di Gasparo.
Dopo 28 edizioni degli “Agonali del Remo”, in cui nessuna società seppe aggiudicarsi questo ambito trofeo, la Coppa del Liutaio venne definitivamente assegnata alla Società Canottieri Garda di Salò ed oggi fa parte del suo patrimonio inalienabile. La coppa è esposta dal 2014 presso il Mu.Sa, Museo della città di Salò e una perfetta riproduzione, realizzata grazie alla generosità di un nostro socio, è conservata presso il salone dei trofei nella nostra storica sede.